Aumento dei consumatori che scelgono VEGANO

In continuo aumento il numero di consumatori che scelgono il vegetariano e il vegano, non un fenomeno passeggero quindi, ma vere e proprie abitudini alimentari nuove, basate su un interesse crescente verso un’alimentazione che guarda principalmente alla salute, all’etica e al benessere.

Secondo il Rapporto Eurispes Italia 2017, nell’acquisto dei beni alimentari gli italiani prediligono i prodotti Made in Italy, a marchio DOP, IGP e DOC, i prodotti a km zero e quelli di stagione. Una grossa fetta dei consumatori controlla l’etichettatura e la provenienza degli alimenti, evita di comprare prodotti di marche che non conosce e quelli contenenti olio di palma. Ma il dato da sottolineare è che il 7,6% del campione segue una dieta vegetariana o vegana, in particolare, il 4,6% degli intervistati si dichiara vegetariano (-2,5% rispetto al 2016) mentre i vegani raggiungono il 3%. Si riconferma dunque la tendenza degli scorsi anni secondo cui sempre più consumatori abbandonano i prodotti di origine animale: il numero di persone che sono passate ad una dieta completamente a base vegetale è triplicato in un anno, circa 1.800.000 italiani non mangiano più carne e derivati. L'Italia si conferma dunque uno dei paesi con le percentuali di vegetariani e vegani più alte del mondo, e se il numero dei vegani è in aumento mentre quello dei vegetariani è in calo, è molto probabile che la tendenza sia quella di abbandonare completamente i prodotti di origine animale. Anche i dati dell’osservatorio SANA 2017 mettono in evidenza che nell’ultimo anno il mercato degli alimenti 100% vegetali in Italia ha superato il 10% e che l’83% delle famiglie ha acquistato almeno una volta un prodotto di questo genere, di conseguenza i dati del rapporto realizzato da ISMEA per veganok registrano nel 2016 un calo del consumo di carni e affettati: è quindi evidente che la scelta vegan è anche conveniente da un punto di vista commerciale. 

Ma non basta, gli italiani vogliono anche il biologico, crescono dunque i prodotti con il riferimento al bio in etichetta e aumenta il peso del bio nella grande distribuzione, un fenomeno che caratterizza tutti i prodotti rivolti a particolari stili di vita, come appunto vegano e halal, che stanno conquistando nuovi consumatori.
Secondo l'analisi condotta dall'Osservatorio Immagino, l'universo più dinamico è quello del "100% veg", che ha ormai raggiunto lo stesso giro d'affari del biologico, nonostante numericamente abbia la metà circa dei prodotti rispetto all'offerta del bio.

Le scelte verso uno stile di vita che non impatti sull’ambiente e sugli animali stanno investendo vari settori e sempre più riguardano anche il mondo della bellezza: in netta crescita la richiesta di prodotti e cure bio, vegan e cruelty free.

In occasione del World Vegan Day, Uala, sito e applicazione dedicato al mondo beauty, ha presentato uno studio sulla bellezza sostenibile in Italia, un mercato che appare in rapida espansione: cresce l'offerta 'green' nel mondo beauty, così come la scelta dei consumatori per prodotti biologici, vegani e cruelty free.

Qualità Vegana è lo standard di QCertificazioni per la certificazione di prodotti vegani.
Si applica a prodotti alimentari, cosmetici, detergenti, tessili, imballaggi e altro ancora, e si rivolge anche al settore ho.re.ca. Attraverso il marchio Qualità Vegana, l’Organizzazione qualifica le proprie produzioni di altissima qualità, differenziandole e promuovendole sul mercato. In base alle caratteristiche e specifiche dei prodotti, esistono 3 livelli di certificazione:
Livello 1: senza derivati di origine animale nel prodotto e nella confezione;
Livello 2: senza l’utilizzo di mezzi tecnici di origine animale durante la produzione agricola;
Livello 3: senza l’utilizzo di mezzi tecnici o strumenti di origine animale durante la trasformazione

Informazioni e preventivi

Per qualsiasi informazione o approfondimento vi invitiamo a contattarci all'indirizzo email lettera@qcsrl.it o chiamando direttamente il numero +39 0577 327234.

Scrivici